Sinusiti e Poliposi dei seni paranasali

La sinusite è un’infiammazione acuta o cronica dei seni paranasali (seni mascellari, seni frontali, seni sfenoidali e le cellule etmoidali anteriori e posteriori).

Le sinusiti vengono classificate in:

  • sinusiti odontogene
  • sinusiti rinogene

Le sinusiti odontogene derivano da una trasmissione dell’infezione ai seni mascellari in seguito a estrazione dentaria, cure canalari o interventi di implantologia incongrui o granulomi apicali degli elementi dentali superiori.

La sinusite rinogena è provocata dalla riduzione o dal completo blocco dell’ingresso dell’aria nella cavità nasale durante la respirazione, alterando la fisiologia del trasporto muco-ciliare che favorisce la stasi delle secrezioni e la conseguente sovrainfezione batterica. Tale ostruzione può essere causata da fattori di natura infettiva e/o anatomica (deviazione del setto nasale, conca bullosa).

L’ostruzione degli osti può anche essere determinata da neoformazioni delle cavità nasali come polipi o neoformazioni benigne/maligne.

La sinusite cronica si può spesso associare a poliposi nasale, con neoformazioni polipoidi che determinano una ostruzione pressoché completa della cavità nasale, difficoltà respiratorie e assenza dell’olfatto.

 

Sintomi della sinusite

I sintomi della sinusite variano nel caso di quadro acuto o cronico. Nella sinusite acuta il sintomo predominante è il dolore, che è localizzato spesso in corrispondenza del seno interessato dalla patologia, ostruzione nasale e rinorrea; altri sintomi sono cefalea frontale, dolore al volto o alla radice del naso e all’orbita.

La sinusite cronica presenta sintomi più sfumati ma di lunga durata; comunemente è presente un senso di pesantezza e dolore in corrispondenza di fronte, occhio e naso. In mancanza di una diagnosi e di un trattamento precoce, la sinusite cronica può dar luogo a complicanze quali cellulite orbitaria o meningite con ascesso cerebrale.

 

Diagnosi della sinusite

La diagnosi della sinusite si basa sui sintomi e su dati clinico-strumentali. L’esame endoscopico delle fosse nasali eseguito in ambulatorio o a domicilio è utile per rilevare le alterazioni delle mucose nasali, delle secrezioni e la presenza di polipi o anomalie anatomiche.

L’esame TC del massiccio facciale è utile per localizzare con precisione la sede e l’estensione della patologia ed evidenziare le strutture responsabili; è opportuno eseguire la TC dopo un ciclo di terapia medica (aerosol) al fine di avere una stima corretta dell’entità della patologia che può essere alterata dalla presenza di secrezioni.

 

Terapia della sinusite

La terapia delle sinusiti può essere medica nelle prime fasi (generalmente nelle forme acute è risolutiva) ed eventualmente chirurgica.

La terapia medica prevede cicli di antibiotici ad ampio spettro associati a cortisonici sistemici con dosi scalari e decongestionanti nasali topici, antistaminici nel caso di patologia allergica.

La terapia chirurgica FESS (Functional Endoscopic Sinus Surgery) ha come obiettivo principale la correzione delle alterazioni anatomiche, l’apertura degli osti naturali eventualmente ostruiti ed il drenaggio delle secrezioni accumulate nelle cavità sinusali.

L’intervento comporta una breve degenza essendo funzionale e poco invasivo.

Regime: day-surgery o ricovero
Anestesia: generale
Durata: 1-2 ore