Lesioni delle ghiandole salivari

Asportazione di lesioni e tumori benigni delle ghiandole salivari maggiori (parotide, sottomandibolare, sottolinguale) e minori.

Diagnosi

La diagnosi viene eseguita mediante esame obiettivo completo, con attenta valutazione della sede della lesione, delle dimensioni, dolorabilità, mobilità rispetto al piano cutaneo e profondo.

L’approfondimento diagnostico con imaging si avvale di un’ecografia con agoaspirato per un’eventuale indagine citologica. La Risonanza Magnetica o la TC sono utili al fine di valutare i rapporti della lesione con i tessuti circostanti.

 

Trattamento

Il trattamento si avvale dell’asportazione chirurgica in caso di tumori benigni.

  • Parotidectomia: intervento di asportazione dei tumori della ghiandola parotide, eseguito in anestesia generale; prevede un’incisione di tipo estetico, condotta al davanti del padiglione auricolare per poi proseguire dietro l’orecchio terminando in corrispondenza dell’attaccatura dei capelli (incisione da lifting facciale).
  • Scialoadenectomia sottomandibolare: intervento, in anestesia generale, prevede un’incisione cutanea nascosta in una dalle pieghe cutanee del collo. La ghiandola viene isolata dalla sua loggia e dalle strutture vascolari e nervose adiacenti ed asportata.
Regime: ricovero
Anestesia: generale
Durata: 1-3 ore